Coronavirus, Boccia “Penso sia inevitabile andare oltre il 3 aprile”