Coronavirus, “casi reali vanno moltiplicati per 10”