Coronavirus, la lettera: “Papà è morto, ma ringrazio chi l’ha curato”