Coronavirus, 292 scienziati a Conte: “Ecco nostro piano anti-contagio” 

I laboratori di ricerca italiani uniti in rete possono contribuire a fermare l’accelerazione della pandemia Covid-19. Con una lettera aperta al presidente del Consiglio e ai governatori delle Regioni, 292 rappresentanti della comunità scientifica italiana hanno proposto un piano d’azione nazionale anti-contagio che vede il consenso compatto della maggioranza dei direttori degli Irccs e dei principali Istituti di Ricerca biomedica nonché di una larga fascia degli scienziati con competenze di biologia molecolare e biotecnologie del nostro Paese.  

Risorse intellettuali e competenze tecnologiche di alto livello per l’esecuzione dei test diagnostici per l’identificazione del virus – sostengono – sono disponibili su tutto il territorio nazionale da subito e a costo di personale e attrezzature pari a zero, e quindi senza imporre ulteriori aggravi in un Paese già allo stremo. 

Ecco in sintesi le osservazioni degli scienziati:  

I modelli matematici delle curve di contagio e le analisi dirette sulle popolazioni colpite – premettono gli scienziati – indicano l’esistenza di una percentuale di soggetti asintomatici o con sintomi lievi molto elevata sul totale dei contagiati. È stimato che queste infezioni non documentate abbiano una potenzialità di contagio per individuo pari a circa la metà rispetto alle infezioni documentate clinicamente. Pertanto i soggetti non sintomatici o lievemente sintomatici non solo non sono innocui dal punto di vista della diffusione del contagio – avvertono – ma di fatto rappresentano la sorgente principale di disseminazione del virus nella popolazione. Appare quindi evidente come l’identificazione precoce di casi asintomatici o paucisintomatici e l’immediato isolamento degli stessi e dei contatti diretti possano consentire un’efficace riduzione della diffusione dell’epidemia. 

Pertanto – osservano – le attuali strategie di contenimento basate sulla identificazione dei soli soggetti sintomatici non sono sufficienti alla riduzione rapida della estensione del contagio nelle popolazioni affette. D’altra parte – ragionano – l’estensione a tappeto dei test diagnostici non è una strategia percorribile per l’ampiezza della popolazione interessata, la limitata disponibilità di kit diagnostici prontamente utilizzabili e i pochi laboratori autorizzati ad eseguire i test. 

Da qui la proposta: il coinvolgimento ampio delle competenze tecnologiche disponibili sul territorio nazionale può consentirci di eseguire test ripetuti sulle categorie ad alto rischio di infezione, alto numero di contatti e che non possono essere sottoposti a provvedimenti restrittivi: tutto il personale sanitario (medici, infermieri, personale di supporto ospedaliero, personale delle ambulanze, farmacisti); tutto il personale con ampia esposizione al pubblico e parte di servizi essenziali (personale di tutti i servizi commerciali aperti quali forniture alimentari, edicole, poste; autisti di mezzi pubblici e taxi; addetti alle pompe funebri; addetti alla pubblica sicurezza e a filiere produttive essenziali). 

Tecnologie ad alta processività, commerciali e non commerciali, per la rapida estensione del numero dei test sono disponibili da poche settimane e possono essere validate ed implementate su ampia scala in tempi ragionevolmente rapidi. Tecnologie più avanzate per una diagnosi rapida possono essere sviluppate e rese disponibili per le fasi successive dell’epidemia. Un sistema di laboratori a rete diffuso in maniera capillare sul territorio nazionale e fondato sulle competenze disponibili nei centri di ricerca italiani può mettersi al lavoro da subito. Le risorse intellettuali e tecnologiche in Italia ci sono e sono ai massimi standard: perché non si utilizzano di fronte alla pandemia più drammatica del terzo millennio? Si chiedono gli scienziati. E ancora più preoccupati si domandano: la nostra proposta ha carattere di urgenza, perché la politica non coglie immediatamente questa opportunità?, concludono.  

Ultimi Articoli

Coronavirus, Conte “Subito 4,3 miliardi ai Comuni”

ROMA (ITALPRESS) - "Abbiamo varato subito un provvedimento di grande urgenza e impatto, coinvolgiamo i sindaci che sono le nostre prime sentinelle per le...

Juve trova l’accordo con calciatori e allenatore per taglio stipendi

TORINO (ITALPRESS) - La Juventus ha annunciato di aver trovato un accordo con i calciatori e il tecnico Maurizio Sarri in merito ai loro...

Coronavirus, Adepp “Bene ministri per aver ascoltato i professionisti”

ROMA (ITALPRESS) - AdEPP, l'associazione degli enti di previdenza privati, esprime soddisfazione per il decreto che estende i 600 euro ai professionisti iscritti alle...

Coronavirus, in Italia 70.065 positivi, 10.023 morti e 12.384 guariti

ROMA (ITALPRESS) - Complessivamente 92.472 persone in Italia sonorisultate positive al coronavirus finora. Attualmente sono 70.065 le persone positive, con un incremento di 3.651...

Coronavirus, Salvini “L’Europa cosi’ non ha senso e non funziona”

ROMA (ITALPRESS) - "Ora tutti dicono che l'Europa cosi' non va: lo dice Prodi che cosi' non va, lo dice Mattarella e...

Coronavirus, nuova stretta per chi rientra in Italia

ROMA (ITALPRESS) - Da oggi entrano in vigore disposizioni stringenti per chi fa ingresso in Italia e scrupolose misure organizzative che devono adottare...

Coronavirus, A2A avvia produzione valvole per maschere di emergenza

MILANO (ITALPRESS) - A2A Ambiente, societa' del Gruppo A2A, ha avviato presso l'impianto di selezione delle plastiche di Cavaglia' (BI) la produzione di valvole...

Allo Spallanzani 210 ricoverati per Coronavirus, 25 sono piu’ gravi

ROMA (ITALPRESS) - I pazienti Covid-19 positivi all'Istituto Spallanzani di Roma sono in totale 210. Di questi, 25 pazienti necessitano di supporto respiratorio. In...

Ghirelli “Aic collabori, Lega Pro rischia di saltare”

PALERMO (ITALPRESS) - "Abbiamo davanti a noi il grave problema di come affrontare questa crisi di guerra e devo sottolineare un atteggiamento incomprensibile dell'Aic....

Coronavirus, Renzi “Riaprire gradualmente fabbriche gia’ da aprile”

ROMA (ITALPRESS) - "Dico che dobbiamo pensare di riaprire gradualmente a macchia di leopardo le fabbriche gia' dal mese di aprile, ma questa discussione...