Coronavirus, “in Italia il modello Cina non è applicabile”