Mattia, il paziente 1: “Torno a respirare”