/

Starace(Enel) “Puntare allo sviluppo dell’economia circolare”

CERNOBBIO (ITALPRESS) – L’economia circolare in Italia vale dai 27 ai 29 miliardi di euro di Pil, investe dagli 8 ai 9 miliardi di euro l’anno e crea fino a 200 mila di posti di lavoro. E’ quanto emerge dallo studio “Circular Europe. Come gestire con successo la transizione da un mondo lineare a uno circolare”, realizzato da Fondazione Enel e The European House – Ambrosetti in collaborazione con Enel e Enel X presentato oggi, nell’ambito del Forum di The European House – Ambrosetti. “Puntare allo sviluppo di un’Economia Circolare rappresenta una straordinaria opportunità per rendere l’Europa più competitiva, modernizzandone l’economia, rivitalizzando l’industria e creando al contempo occupazione attraverso una crescita sostenibile e duratura” ha commentato Francesco Starace, CEO e General Manager di Enel. “In questo contesto, la crescente penetrazione delle fonti rinnovabili, unitamente al maggiore ricorso al vettore elettrico nei consumi finali, è in grado di amplificare le opportunità derivanti dall’Economia Circolare e rappresenta il modo più efficiente per decarbonizzare l’economia e la società in cui viviamo”. “L’adozione su larga scala dell’Economia Circolare richiede uno sforzo coordinato, volto a re-immaginare e riconfigurare, in ottica circolare, molti se non addirittura tutti gli schemi produttivi e i modelli di business; come sta accadendo attraverso la riprogettazione e la proposizione di un nuovo modello del sistema energetico, con il graduale abbandono dei combustibili fossili a favore delle rinnovabili e dell’elettricità come vettore per la completa decarbonizzazione di tutti i settori”, ha spiegato invece Francesco Venturini, CEO di Enel X.
(ITALPRESS).