/

Landini “Lavoratori hanno riconquistato democrazia nel Paese”

ROMA (ITALPRESS) – “Quello che è successo ieri è un disegno preordinato di un gruppo organizzato che hanno messo in campo un’azione squadristica e fascista. La scelta di colpire la Cgil e con essa tutto il movimento sindacale del Paese e il mondo del lavoro è un attacco inaccettabile”. Lo ha detto Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, in una manifestazione dopo gli attacchi alla sede nel pomeriggio di sabato. “Quella di ieri è una ferita democratica, un’offesa alla Costituzione nata dalla resistenza, che ha violentato il mondo del lavoro e i suoi diritti – sottolinea Landini – Abbiamo un’opportunità straordinaria, usare quei soldi e quegli investimenti per fare riforme di cui il Paese ha bisogno da anni. Noi vogliamo essere quel soggetto protagonista del cambiamento, il protagonismo nasce nel momento in cui si allarga la partecipazione”. “Se qualcuno ha pensato di intimidirci, di metterci paura, di farci stare zitti, deve sapere che la Cgil e il movimento dei lavoratori sono quelli che hanno sconfitto il fascismo nel Paese e riconquistato la democrazia. Da questa camera del lavoro vogliamo lanciare il monito di rilanciare con forza una mobilitazione democratica, che apra sedi e accolga persone, che non strumentalizzi le difficoltà che oggi esistono”. Ha proseguito il segretario generale della Cgil. “Ringrazio da subito Cisl e Uil, ci abbiamo messo 3 minuti per decidere che sabato 16 saremo tutti in piazza a Roma, tutte le forze sane di questo Paese – prosegue – Non solo non vogliamo tornare indietro, vogliamo guardare avanti per ricostruire il Paese”.
(ITALPRESS).